Regolarizzazione

 Chi ha versato entro il 30 settembre scorso i 500 euro per la regolarizzazione, ma poi non ha presentato la domanda online, può farlo adesso.
La nuova chance arriva dal ministero dell’Interno, che ha verificato diversi casi in cui al contributo forfettario versato con il modello F24 non corrisponde una domanda di regolarizzazione registrata nel sistema informatico. Secondo il Viminale, il versamento del contributo è però una “manifestazione espressa di volontà del datore di lavoro di procedere alla regolarizzazione del rapporto di lavoro con il cittadino  extracomunitario” e quindi può trasformarsi in una domanda.
Il ministero ha già i nomi di questi datori di lavoro, perché l’Inps gli ha comunicato gli estremi di tutti i versamenti dei contributi forfetari. Chi si trova in questa condizione potrà quindi contattare entro il 31 dicembre 2009 l’help desk del Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione (attraverso la pagina web https:/nullaosta lavoro.interno.it o chiamando il numero 0648905810), che gli darà le istruzioni per completare la procedura di regolarizzazione.
Impossibile, e comunque del tutto inutile, versare adesso i 500 euro. Le domande di regolarizzazione saranno infatti accettate solo se i dati di datore e lavoratore combaciano con quelli di uno degli  F24 pagati tra agosto e settembre.

2 dicembre 2009

Allegati